Questi sono due Avocado. Embè? Io e il cinese che vive nella stanza di sotto abbiamo deciso che serve tempo per capire cosa si vuole fare nella vita.
E soldi.

Quindi stamattina ho giocato alla lotteria.

Non l’avevo mai fatto e non avevo idea di come si facesse perciò mi sono fatta dare indicazioni prima di apprestarmi all’opera.

Il cinese, che si fa chiamare Andy ma in realtà si chiama una fila cinese di ideogrammi, mi ha detto di chiedere “Due Lucky Tips”. O “Due Lucky Dips”, non sono sicura.

Per quanto ne so, le tips sono le mance lasciate ai camerieri nei ristoranti e le dips sono salse in cui tocciare il cibo, per cui sono andata da Tesco e ho chiesto alla cassiera “Due Lucky Gips”, che per quanto mi riguarda non vuole dire assolutamente nulla per cui suona meno strano sia di “Mance” che di “Salse” della Fortuna.

La tizia, comunque, ha asserito con cipiglio e mi ha infilato in mano due biglietti rosa, poi ha voluto due pounds in cambio.
(Che non sono poi molti, per un paio di gips: io me ne sarei chiesta di più).

Se vinco, mollo tutto e mi trasferisco all’estero, schiappe.

Ho un dejavù.